CLINICA E TERAPIA

Il significato della analitica esistenziale di Martin Heidegger per l'auto-comprensione della psichiatria

Traduzione italiana del prof. Max Beluffi


E pensi tu forse di comprendere davvero la caratteristica dell'anima senza intendere il carattere specifico del tutto?
Platone, Fedro, 270


La analitica esistenziale di M. Heidegger ha un duplice significato per la psichiatria; essa ha conferito alla ricerca empirka psicopatologica una nuova base obiettiva e metodica che supera gli spazi sino ad oggi a lei propri e, grazie alla elaborazione del concetto esistenziale di scienza, pone la psichiatria in generale in condizione di rendersi conto al di lа della pura e semplice realtа di fatto della possibilitа e dei limiti del suo progetto mondano scientifico, ovverosia del suo orizzonte comprensivo trascendentale. I due orientamenti significativi sono reciprocamente collegati in modo molto stretto ed entrambi si riconnettono all'opera Essere e Tempo (1927) e a quella sull'Essenza del fondamento (1929).

Il proposito del saggio Essere e Tempo era quello di elaborare "concretamente" la questione del senso dell'essere e il suo intendimento contingente era quello di interpretrare il tempo come l'orizzonte possibile di ogni forma di comprensione dell 'essere, ragion per cui, come è noto, il cammino verso questo scopo condusse al di lа dell'elaborazione "concreta" della concezione dell'essere dell'Esserci in quanto essere-nel-mondo, ovverosia trascendenza. Mediante la elaborazione della struttura fondamentale dell'Esserci in quanto essere-nel-mondo, Heidegger ha posto in mano allo psichiatra un filo conduttore di ordine metodico con il quale è stato reso possibile cogliere con lo sguardo e descrivere i fenomeni che doveva esplorare e le loro connessioni intrinseche di ordine fenomenico senza alcuna prevenzione di ordine contenutistico, il che significa in piena libertа rispetto ad ogni teoria scientifica. E' stato merito imperituro di E. Husserl insieme a Brentano quello di aver mostrato in che cosa consisteva questo metodo "fenomenologico" e quale campo incalcolabile con esso si apra per questa specifica ricerca scientifica, per quanto la sua dottrina si muovesse ancora unicamente a partire dal campo della intenzionalitа in quanto rapporto unitario della soggettivitа trascendentale con l'oggettività trascendentale, per quanto fosse decisiva ai fini della ricerca psicopatologica anche la svolta dalla concezione e descrizione teoretica dei processi o degli eventi psichici in un "soggetto" ai fini della comprensione e descrizione delle forme e della struttura della "coscienza intenzionale", vale a dire della coscienza di qualcosa, ovvero dell'essere orientato nei confronti di qualcosa, bisogna riconoscere che questa coscienza rimaneva ugualmente ancora sospesa a mezz'aria, vale a dire nella tenue atmosfera dell'io trascendentale.


For visualization of the complet tests it is necessary to register the followed form. All the information will remain confidential.
Insert the required data
User Name
Password
HOME PAGE Go at the top of the page



A cura di Geko Sistemi